I grandi si dimenticano come si fa a volare, le relazioni tra i giovani nell’età della pandemia.

14 Febbraio –  “I grandi si dimenticano come si fa a volare

È ripreso presso la chiesa del Maristella il percorso per giovani “Traiettorie di sguardi”, con la riflessione proposta dal professor Giorgio Prada

“I grandi si dimenticano come si fa a volare”: questo il titolo dell’incontro di “Traiettorie di sguardi”, il percorso per i giovani della diocesi, tenutosi domenica sera presso la Chiesa del Maristella a Cremona. Un evento finalmente in presenza (dopo diversi mesi di stop forzato nel rispetto delle normative vigenti anti-covid) capace di attirare diversi giovani da tutta la diocesi e di riempire la Chiesa.

La data, suggestiva e caratteristica, non era casuale: quale migliore occasione del Giorno degli Innamorati, S. Valentino, per riflettere sul tema delle relazioni nel mondo giovanile?

A guidare la riflessione il prof. Giorgio Prada, pedagogista, formatore, docente universitario e già diverse volte ospite di Tds. Il docente ha esordito commentando alcuni video realizzati ad hoc da alcuni giovani cremonesi circa il modo di vivere le relazioni ai tempi del covid-19: relazioni avvizzite, congelate, filtrate dalle luci blu degli schermi di smartphone e computer. Tuttavia, secondo il relatore, coesistono due enormi problemi: lo sgretolamento del “sistema” e la presa di coscienza che, anche prima della pandemia, le relazioni non erano poi così sane. Insomma la situazione grottesca nella quale il mondo è stato catapultato, da ormai quasi un anno, ha lasciato squarci evidenti, oltre ai quali si possono intravedere le criticità di uno stile relazionale qualitativamente scarno e poco fruttifico.

A partire da questa ipotesi, Giorgio Prada ha suggerito l’analisi di due canzoni: “La mia città” di Luca Carboni (1992) e “L’isola che non c’è” di Edoardo Bennato (1980). La prima, pur risalendo a quasi 30 anni fa, risulta estremamente attuale e significativa secondo Prada, che trova un’analogia tra il modo di vivere la città di Carboni e l’approccio alla vita di un giovane oggi. La seconda, riprendendo il tema portante del percorso di Tds di quest’anno, incentrato sulla figura di Peter Pan con tutte le sue luci ed ombre, ha permesso di stuzzicare il giovane pubblico su una modalità nuova per ri-generare le relazioni e, al contempo, “cambiare le cose”: il sogno. Sogno da intendersi come condivisione di progettualità, idee, aspettative, desideri, e dunque immaginazione condivisa di un futuro.

Un sogno che passa attraverso l’esperienza, il “fare insieme”: provoca il relatore sul fatto che «si impara prima a scrivere, poi a leggere». Si supera dunque la storica diatriba tra testa e cuore: il sogno, che com-portarsi bene, condividendo e facendo esperienza, è la chiave per risanare le ferite del nostro tempo, perché, come ci insegna proprio Peter Pan: “solo chi sogna può volare”.

Andrea Bergonzi

(fonte: Diocesi di Cremona)

I grandi si dimenticano come si fa a volare

14 Febbraio –  “I grandi si dimenticano come si fa a volare

Se l’adolescenza è paragonabile all’esplosione della primavera, con la sua carica di vitalità, la giovinezza assomiglia a quel maggio inoltrato in cui la temperatura è più stabile e la luce del sole è più piena. Perché si va a passo spedito verso l’estate, la pienezza. Incontrare relazioni, scegliere di amare, costruire un progetto generativo vuol dire non saper più volare? A quasi un anno dall’esperienza del lockdown che ne pensiamo della relazione? Quale valore possiamo assegnare allo stare con, al toccare, al condividere? Perché, forse, la pelle mia e dell’altro non è solo un confine, una barriera, ma anche un invito.

Il sociologo Giorgio Prada, dell’Università Bicocca di Milano, commenta le reazioni giovanili sul tema delle relazioni.

Articolo incontro “Pietra su Pietra”

“Seconda stella a destra”: a Tds i giovani in viaggio come Peter Pan

Domenica 18 ottobre torna a Cremona l’appuntamento mensile di pastorale giovanile con il ciclo di incontri “Traiettorie di sguardi” presso la parrocchia del Maristella

Dopo l’interruzione forzata dovuta al lockdown, torna anche quest’anno TDS-Traiettorie di sguardi, l’iniziativa di pastorale giovanile promossa a livello diocesano: un’occasione preziosa per riflettere circa tematiche giovanili. La nuova edizione prevede sei serate (l’ultima delle quali partecipando alla veglia delle Palme diocesana) incentrate sulla figura di Peter Pan, rappresentante del mondo giovanile con tutte le sue ambiguità.

Il primo incontro, “Pietra su pietra”, sarà domenica 18 ottobre e sarà dedicato alla rilettura dell’esperienza tragica della pandemia insieme a don Francesco Mazza, giovane prete fidentino che si è formato presso il Seminario di Cremona, e Valerio Fasani, insegnante.

L’appuntamento è fissato per le 18.30 presso la parrocchia del Maristella, a Cremona. Dopo un aperitivo in oratorio l’incontro con gli ospiti, che quest’anno avranno luogo nella chiesa parrocchiale per garantire il distanziamento in ottemperanza alle normative vigenti per la prevenzione al contagio da Covid-19.

Il secondo incontro, il 22 novembre, partendo dal verso di Bennato “… e poi dritto, sino al mattino”, sarà destinato ad una riflessione sul viaggio mediata dalla testimonianza di tre giovani scout emiliani.

Il 13 dicembre terzo appuntamento cercando di rispondere alla delicata e spinosa domanda “Che cos’è verità?”, analizzando il ruolo di scienziati e giornalisti nella comunicazione. Interverranno il direttore del quotidiano Avvenire, Marco Tarquinio, e la ricercatrice e docente universitaria Manuela Monti.

Il quarto incontro, “I nostri figli finiranno per strada”, si svolgerà il 17 gennaio e sarà focalizzato su un’analisi di luci e ombre del panorama lavorativo post Covid-19, grazie alle parole del professore Fabio Antoldi, dell’Università Cattolica, e dei giovani fondatori della start-up cremonese “ProCremona”.

“I grandi si dimenticano come si fa a volare”: l’ultima serata, nel giorno di san Valentino (14 febbraio), si concentrerà sul mondo delle relazioni, seguendo le provocazioni del sociologo dell’Università Bicocca di Milano Giorgio Prada.

(Fonte: Diocesi di Cremona)

Sono forse io il custode?

Il penultimo incontro di Traiettorie Di Sguardi, avvenuto il 16 febbraio, si apre con il brano evangelico del giudizio universale, il quale ci invita a riflettere sul tema protagonista della serata: “ero carcerato e siete venuti a trovarmi”. Ospite dell’incontro, infatti, è Maria Gabriella Lusi, impiegata dal ’97 nell’amministrazione penitenziaria italiana e, da alcuni mesi, direttrice del carcere di Piacenza. Il suo impegno nel sostegno e nella promozione del valore e dell’importanza della missione “rieducativa della pena”, così come prevista dall’articolo 27 della Costituzione Italiana, emerge in modo significativo sin dalle sue prime parole: Maria, attraverso un doppio sguardo, professionale e umano, definisce il carcere “contesto istituzionale” e, al contempo, “organizzazione vivente”, un ambiente, cioè, che “in quanto luogo di vita, prima che di lavoro, non si interrompe mai nei suoi servizi e nei suoi compiti”. A tal proposito, descrive i due macro-obiettivi verso i quali le sue competenze tentano di dirigersi: la qualità della vita dei carcerati e la qualità del lavoro offerto dai professionisti e dagli operatori che vi lavorano.

Ciò diventa possibile nel momento in cui si considera il carcere come un vero e proprio crocevia di sguardi, ciascuno dei quali risulta fondamentale per offrire ai detenuti quella custodia, intesa non come relazione asettica e di mero controllo, bensì come relazione di cura, rispetto e fiducia da coltivare continuamente. Il paradosso più diffuso all’interno del contesto detentivo, dice Maria Gabriella Lusi, è proprio quello di pensare che il rispetto delle esigenze del detenuto comporti inevitabilmente un aumento dei rischi per la sicurezza. Il suo lavoro dimostra, al contrario, che mostrare loro il rispetto di cui hanno diritto in quanto persone conduce ad un allentamento delle responsabilità e dei rischi legati alla sicurezza per gli operatori coinvolti, oltre ad essere un fondamentale punto di partenza per un fecondo percorso rieducativo. Questo aspetto emerge in modo profondo nella lettera che Maria ha ricevuto da un ergastolano del carcere di Voghera presso cui lei lavorava come dirigente, e che durante la serata condivide con noi. Il detenuto esprime gratitudine e riconoscenza a Maria per aver permesso a lui, come ad altri detenuti, di poter scattare una foto insieme ai figli e appenderla in camera, dando loro la “possibilità di vedere da vicino ciò che è lontano”: la famiglia, la spensieratezza, la libertà, gli affetti.

Il trattamento rieducativo dei carcerati, che ha come scopo fondamentale il loro reinserimento sano all’interno della società, non può esistere senza il riconoscimento di persone al di là dei colpevoli e non può avvenire senza una rete relazionale formata, oltre che dai rapporti interpersonali quotidiani tra i detenuti, da operatori, educatori ed enti territoriali e del terzo settore, con il quale, ci racconta l’ospite, vi è una sinergia continua, proficua e positiva.

È soprattutto sull’importanza dell’incontro, infatti, che ci invita a riflettere Maria in risposta alla confidenza fattale dall’ergastolano nella lettera: è la mancanza dell’”esempio”, di una reciprocità positiva, il vero rischio, ciò che porta il brutto all’interno delle carceri. Il riconoscimento dell’altro come detentore di dignità e competenze spendibili, nei confronti del quale nutrire fiducia e poter investire è il principio che muove Maria Gabriella Lusi, in qualità di cittadino, prima che di dirigente, a interessarsi e curarsi della reintegrazione del recluso all’interno della società.

Solo cose belle

Il primo incontro di Traiettorie Di Sguardi del nuovo anno si apre con un importante monito: “il mondo cambia nella misura in cui ognuno di noi cambia”. Sono le parole di don Oreste Benzi, fondatore dell’Associazione Papa Giovanni XXIII, dal 1968 impegnata a contrastare emarginazione e povertà. Ospiti della serata sono Francesca Benzi e Primo Lazzari, esponenti dell’Associazione e testimoni di un percorso di vita fatto di famiglia e condivisione. Da 43 anni, infatti, la loro è una genitorialità aperta e accogliente nei confronti di persone che, a causa di molteplici disagi fisici o psichici, necessitano di vivere il dono della famiglia.

Una famiglia normale, come sottolinea più volte Francesca, in cui, tra le incombenze quotidiane, si venga amati per quello che si è e che risponda al profondo bisogno di appartenenza che abita in ognuno di noi. L’occasione è stata donata loro grazie all’incontro tra Primo, allora in servizio civile come obiettore di coscienza, e don Oreste, il quale gli propose di occuparsi di un ragazzo con schizofrenia, fino ad allora affidato ad un prete poi partito per una missione all’estero. A partire da quel momento, sotto la guida del sacerdote, iniziarono questo cammino di accoglienza e condivisione, aprendo le porte di casa ai “matti”.

Le difficoltà iniziali furono molte, prima fra tutte la diffidenza del resto della comunità. A mostrarcelo, l’incipit di Solo cose belle, film di recente produzione che tenta di narrare l’incontro tra i membri di una casa-famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII e i cittadini di un piccolo paese della Romagna tra pregiudizi, timori e perplessità. Nei primi anni della casa-famiglia raccolta intorno a Francesca e Primo, inoltre, la moderna Legge Basaglia sulla chiusura dei manicomi ha reso la loro esperienza di apertura e inclusività ancora più difficile, per gli altri, da metabolizzare. Ciò soprattutto durante la scelta dei due volontari di sposarsi e concepire propri figli senza rinunciare a quella che, a tutti gli effetti, era diventata per loro una scelta di vita, la “genitorialità aperta”.

Quella che secondo molti sarebbe stata una scelta poco saggia si è, invece, rivelata un prezioso contributo affettivo e spirituale per la vita delle loro tre figlie “di pancia”. A raccontarcelo è proprio Greta, la più piccola delle tre, ora mamma di Giona e affidataria di altri giovani ragazzi: nonostante alcuni momenti di fragilità durante l’infanzia dovuti perlopiù all’incomprensione altrui, il bisogno di amore e di famiglia dei suoi fratelli “adottivi” è sempre stato per lei concretezza e quotidianità.

Francesca e Primo vivono un percorso di vita condivisa che presuppone libertà per ciascuno dei membri della famiglia. Per questo motivo hanno dovuto fare i conti anche con il rifiuto. Primo cita la logica dello spreco d’amore di cui parla il Cardinal Martini, sottolineando le difficoltà insite nella logica stessa dell’amore: una logica basata non sul dare e avere, bensì sullo spreco, sul dono senza immediato ritorno. Si tratta della fatica della fraternità, quella che dà il titolo al percorso di TDS di quest’anno, Fratelli o Coltelli, e che ci chiede di percepirci non come isole, ma come comunità.
Don Tonino Bello afferma che l’uomo è un angelo con una sola ala, per volare serve abbracciarsi. Con questa certezza Primo e Francesca continueranno la loro esperienza di vita condivisa con gli ultimi.