UNO SGUARDO SULL’ALTRO

Domenica 15 ottobre è cominciata la nuova edizione di Traiettorie di Sguardi. Il percorso di quest’anno sarà dedicato al tema della missione e dell’incontro con l’altro. “Vai dai tuoi fratelli” – invito che dà il titolo alla rassegna di incontri – non vuole essere un modo di fare proselitismi, ma porta in sé la voglia di dire che ciò che si vive è straordinariamente bello.

Il primo incontro è stato aperto dal pedagogista e formatore Giorgio Prada al quale è stato chiesto di introdurre alla folta platea di giovani presenti il tema dell’incontro con l’altro. Come si incontra l’altro? Quando lo si incontra? Chi è l’altro per me?

Il primo e naturale approccio all’altro è lo sguardo. Lo sguardo è questione originaria: tutti siamo sensibili allo sguardo perché a lungo siamo stati guardati fin dall’inizio della nostra vita.

Per analizzare lo sguardo e i diversi tipi di sguardo, il professor Prada si è fatto aiutare dal cinema. Attraverso gli spezzoni di sette film più o meno famosi i giovani presenti hanno potuto rispecchiarsi in sguardi mancati; sguardi tra l’adulto e il giovane che anziché tracciare una relazione educativa l’hanno spezzata o mai cominciata; sguardi che chiedono e impongono di riflettere sulla propria identità per non perdersi o rischiare di non sapere più chi si è; sguardi sezionatori, che vedono solo una parte del tutto, che apprezzano l’altro che hanno di fronte solo per il suo aspetto, per il suo cervello, ma non considerano il resto; sguardi che orientano e influenzano le scelte del singolo, perché quando sono in tanti che guardano, come si può sottrarsi e non fare ciò che viene indicato? E infine lo sguardo che accoglie e aiuta, che non giudica e che si lascia mettere in discussione dall’incontro con l’altro.

A partire da questo primo incontro, che ha aperto molto domande, attendiamo il prossimo appuntamento per continuare a riflettere sull’incontro con il fratello.